MCO Franchizo LLC.


By: http://millionaire.it/franchising/

E' importante valutare attentamente il franchisor, le sue risorse umane, finanziarie e produttive/commerciali e la sua reputazione e credibilità. La dimensione del franchisor non è un elemento determinante. Sono pochi i franchisor che rientrano nella categoria delle grandi imprese.

Anche la limitata diffusione della catena del franchisor (a livello regionale e interregionale) non è un elemento a sfavore di un franchisor. Quasi tutti i franchisor di medie e piccole dimensione hanno iniziato la loro attività con alcuni punti di vendita in una città o solo in una provincia.

COME SCEGLIERE FRANCHISOR?

    Conoscere il franchisor
    Valutare gli elementi chiave della formula
    Verificare scrupulosamente ogni dettaglio della proposta di affiliazione



AUTOANALISI

    Quali sono i miei punti di forza e debolezza?
    Quale sono le mie capacità?
    Che tipo di impegno economico posso sostenere?
    Dispongo di un locale adatto?

Si tratta di una serie di domande molto essenziali ma estremamente efficaci, consigliabili per chi desidera diventare franchisee prima di compiere il grande passo.

PRIMA DI FIRMARE IL CONTRATTO

E' meglio farsi le seguenti domande:

  •  Il franchisor è un'impresa individuale, una società (di capitali o di persone)?
  • Il franchisor è una divisione di un'altra società?
  • Da quanto tempo è sul mercato, da quando si è inserita con il franchising?
  • Quali sono i risultati economici dei bilanci degli ultimi anni?
  • Quanti sono i punti di vendita diretti e quelli in franchising?
  • E' conosciuto sul mercato e qual è la sua immagine presso il pubblico ed il consumatore?
  • Qual è la reputazione e la credibilità nell'ambiente commerciale ed industriale?
  • Ha delle unità pilota?
  • Si può prendere contatto con gli affiliati?
  • Si possono chiedere referenze bancarie od altre?
  • Ci sono altre persone a cui richiedere informazioni sul franchisor?
  • Qual è l'esperienza nella gestione, nel particolare settore merceologico in cui opera e nel campo del franchising?
  • Come è strutturata la direzione e l'organizzazione interna del franchisor?
  • Quale sono le politiche e le strategie di mercato?
  • C'è un piano di sviluppo a lungo termine?
  • Quali sono i punti deboli e i punti forti del franchisor?
  • Quali sono i criteri di selezione degli affiliati?

CHE INFORMAZIONE DEVO AVERE DAL FRANCHISOR?

  • Dossier o brochure con informazione generale sulle caratteristiche dell'attività
  • Relazione dei locali aperti, indicando indirizzo e telefono, percentuale di aperture e chiusure
  • Informazione di tipo economico, e soprattutto, l'investimento iniziale proposto
  • Il Manuale operativo
  • Il Business Plan
  • Informazione di marketing e calendario con le azioni di pubblicità
  • Informazione dettagliata sulla formazione e servizi che offre il franchisor
  • La struttura e organigrama della casa madre
  • Referenze bancarie ed informazione commerciale del franchisor
Franchising Trends 2016
Franchising Trends 2016


Tutta questa documentazione servirà per avviare il processo di selezione di quelle attività che più si adattano al proprio profilo personale, professionale e a livello di patrimonio; e permetterà d'avere a disposizione informazioni importanti riferite a:

  • Identificazione dell'azienda franchisor
  • Descrizione del settore di attività (filosofia, profilo dei clienti, mercato)
  • Esperienza dell'azienda franchisor
  • Caratteristiche e contenuti del sistema di franchising
  • Struttura della rete
  • Elementi fondamentali dell'accordo di franchising (contratto, pre-contratto, diritti e obblighi di entrambe le parti, durata del contratto, esclusività territoriale, obblighi finanziari del franchisee)

Se si hanno a disposizione tutte queste informazioni si potrà veramente fare un ragionamento obbiettivo che permetterà di prendere la decisione più adeguata.

ANALISI DEL KNOW-HOW

  • Qual è lo scopo della formula?
  • Cosa riguarda esattamente il suo "know -how"?
  • Quali vantaggi vengo offerti?
  • Quali caratteristiche e quali vantaggi ha rispetto alla concorrenza diretta?
  • Sono previsti miglioramenti della formula in funzione della concorrenza e dei cambiamenti del mercato?
  • Quali iniziative saranno prese per allungare il ciclo di vita della formula?
  • Con quale metodo s'intende trasferire il know-how?
  • E' previsto un addestramento iniziale?
  • E' previsto un addestramento permanente in rapporto all'evoluzione della formula?

ANALISI DEL MANUALE OPERATIVO

Il Manuale Operativo merita particolare attenzione, poichè è il testo che racchiude tutto il know-how del franchisor, dove si trovano descritte le modalità di conduzione della franchise e i rapporti tra affiliante e affiliato.

Generalmente il Manuale è diviso in due parti:

  • Il Manuale operativo della conduzione della franchise
  • Il Manuale Operativo Tecnico

Il primo contiene tutti gli elementi della franchise : il layout, le tecniche di vendita e di comunicazione, i rapporti tra affiliante e affiliato (modalità di comunicazioni, modalità dei pagamenti, rayalties,ecc).

Il secondo contiene la modalità di svolgimento dei servizi oggetto della franchise.

Data la natura dei contenuti del Manuale, tutta l'informazione deve necessariamente restare riservata tra franchisor e franchisee. Se dovesse capitare di non rispettare questa norma, il franchisee è soggetto a pesanti sanzioni.

ANALISI DEI PRODOTTI / SERVIZI OFFERTI

  • Quali prodotti o gamma di prodotti (assortimento) sono offerti all'affiliato?
  • Quali sono le prospettive attuali e future di questo assortimento? C'è una ricerca di mercato?
  • Quali elementi di originalità presentano i prodotti?
  • Esiste una domanda reale per questi prodotti?
  • La domanda è stabile, stagionale, nuova o obsolescente?
  • Qual è il rapporto qualità/prezzo dei prodotti?
  • Il mercato in cui si inseriscono i prodotti è in fase di sviluppo o è saturo? E' prevista una diversificazione?
  • La potenzialità dei prodotti è basata sulla moda, e quindi passibile di cali improvvisi?
  • Qual è la concorrenza dei prodotti?
  • Questi prodotti sono commercializzati da un marchio?
  • L'assortimento è parziale o completo?
  • Le forniture dei prodotti sono soddisfatte completamente dal franchisor oppure ci sono dei fornitori autorizzati da cui ricevere i prodotti?
  • L'assortimento può essere variato in considerazione del target della clientela locale?
  • Gli stessi prodotti sono forniti ad altri negozianti non appartenenti alla catena?
  • I prodotti sono fabbricati dal franchisor?
  • Chi effettua il servizio post vendita, se previsto?
  • Il prodotto è protetto da un brevetto? se sì, viene fornito solo ai franchisee?



ANALISI DELLO SCHEMA DI FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA DI FRANCHISING

  • Come funziona la centrale di acquisto?
  • Con quali persone l'affiliato entrerà in contatto?
  • Quali sono i servizi che il franchisee riceve e può ricevere dalla casa madre?
  • Quali controlli riceverà il franchisee dalla Casa madre? E quali sono i fini di questi controlli?
  • Quali documenti riceverà il franchisee?
  • Da quanti anni è in funzione la prima unità pilota, come funziona, con quali risultati economici?
  • Se non ci sono unità pilota, come è stata sperimentata la formula?
  • Se non c'è unità pilota , qual è il franchisee che ha questa funzione?
  • Qual è il supporto che offre il franchisor nella fase di avvio ?
  • Quali altri servizi sono offerti in un secondo tempo sul piano commerciale?
  • Come sono sviluppate le campagne e strategie di vendita?
  • E' prevista un'esclusiva territoriale; se no, perchè?
  • Cosa pensano del funzionamento del sistema gli attuali franchisee?
  • Quali sono i rischi?
  • E' richiesta una partecipazione alle spese pubblicitarie?
  • L'affiliato è coinvolto nella progettazione e realizzazione di campagne pubblicitarie e promozionali?
  • C'è un giornale interno che tiene informati tutti i franchisee?
  • Quali sono le ore di apertura dell'esercizio?
  • Il franchisor organizza dei seminari di aggiornamento per i franchisee e i suoi collaboratori?
  • Come viene organizzata la contabilità, il controllo dello stock, ecc.?
  • Oltre ai prodotti che fornisce il franchisor, si possono vendere altri prodotti, non in concorrenza?
  • Quali sono i servizi iniziali offerti?
  • Quale addestramento viene fornito? Chi lo paga?
  • Quale assitenza continuativa viene fornita dopo che l'attività è iniziata?
  • Quali sono gli elementi che danno l'immagine al punto di vendita?
  • E' previsto che dopo un certo periodo di tempo si debbano rinnovare le attrezzature e arredo?

ANALISI DEGLI ASPETTI FINANZIARI

Il successo della collaborazione tra franchisor e franchisee è determinato dai risultati economici che le due parti ricaveranno nel corso della vita del rapporto di franchising.

Per un equilibrato e sano sviluppo di ogni sistema di franchising è necessario che ad ogni diritto corrisponda un obbligo, non solo negli aspetti operativi del sistema ma anche in quelli finanziari.

Gli aspetti da controllare sono:

  • Quali sono gli investimenti iniziali, richiesti dal franchisor.
  • Quali sono i termini di pagamento degli acquisti iniziali.
  • Quali aiuti finanziari può fornire il franchisor (leasing, ecc.)?
  • L'investimento iniziale è giudicato come esorbitante in confronto con quello richiesto dalla concorrenza diretta.
  • A quanto ammonta il capitale di esercizio?
  • Qual è il rendiconto economico annuale e pluriennale previsionale?
  • Le proiezioni finanziarie sono basate su dati concreti o semplicemente su dati ottimistici?
  • Qual è l'utile previsto dalle previsioni?
  • Qual è il fatturato al quale i costi pareggiano i ricavi? (punto di pareggio)
  • Qual è la redditività dei capitali investiti (ROI), il primo anno ed i successivi?
  • In quanti anni si prevede di ammortizzare il capitale investito?
  • Qual è la rotazione delle scorte?
  • A quanto ammonta il diritto di entrata?
  • Il diritto di entrata è considerato equo?
  • Si deve versare un deposito prima della firma del contratto? Quali sono le condizioni?
  • Il diritto di entrata paga lo stock di lancio?
  • Il canone è fisso o proporzionale? E' incluso o no nel prezzo di vendita dei prodotti?
  • Quali servizi remunera il canone? Come vengono giustificati?
  • Come sono calcolati i canoni?

SPAGNA

13° SALONE INTERNAZIONALE DEL FRANCHISING DI VALENCIA
IL SIF SI CONSOLIDA COME LA PIÙ GRANDE FIERA DEL FRANCHISING AL MONDO


Sin dalla sua prima edizione il SIF è cresciuto costantemente sia in qualità che in quantità, il che lo ha portato a diventare il Salone del Franchising più importante al mondo, come lo dimostrano i dati della scorsa edizione: 378 espositori franchisor e 35.000 visitatori professionali, oltre alla presenza delle più importanti associazioni del franchising di diversi paesi.

Il SIF è il miglior evento di franchising valutato dai visitatori, i quali giudicano positivamente le occasioni di affari e la varietà dell’offerta del salone di Valencia. La soddisfazione dei visitatori si evince dal loro 71% che intende tornare a visitare il salone, risultato questo che giustifica la qualifica del SIF come prima fiera del franchising al mondo.

Il SIF offre un servizio integrale, tanto al franchisor espositore come al visitatore che intende diventare franchisee, attraverso diverse iniziative come i seminari tecnici, il “canale del franchising”, e la “master franchising area”. Il SIF mette anche a disposizione dell’espositore personale qualificato per fornire prestazioni personalizzate, per facilitare la scelta degli spazi all’interno del recinto fieristico, per agevolare il montaggio e lo smontaggio degli stand, e per procurare maggiore comodità agli ingressi.

Per i franchisor italiani, interessati a sviluppare i loro marchi a livello internazionale, il SIF si presenta come una porta d’ingresso non solo al mercato spagnolo ma anche ai mercati sudamericani ed europei.

La “master franchising area” rappresenta la formula più efficace per l’espansione internazionale dei franchisor e, consapevole di quest’efficacia, il SIF ha predisposto un’apposita area speciale diversa in cui le imprese, interessate ad offrire il loro Master Franchising, hanno a disposizione le infrastrutture necessarie per esporre le loro proposte. A questo riguardo, nella scorsa edizione del SIF, la “master franchising area” occupava una superficie di oltre 5.000 mq. divisi in due grandi zone: uno stand globale riservato ai franchisor spagnoli interessati a promuovere il loro master franchising tra gli investitori stranieri e una zona internazionale riservata agli espositori esteri interessati ad espandere i loro master franchising sul mercato nazionale ed internazionale.

Nella prossima edizione, la Federazione Italiana del Franchising –FIF sarà presente, per terza volta consecutiva, con un proprio stand dove rappresentanti FIF illustreranno ai visitatori i servizi della Federazione oltre ad informare su i marchi associati e, per la prima volta, l’ICE disporrà di uno stand istituzionale (per informazioni leggere su questo stesso sito le modalità di partecipazione al SIF insieme all’ICE).

fonte: Franchisingcity.it